Clima e consumi

Le nostre risorse planetarie sono limitate e l'impatto ecologico del nostro comportamento di consumo è aumentato drasticamente negli ultimi decenni. In un mondo sempre più caratterizzato dal consumo, anche le nostre decisioni di consumatori hanno un ruolo importante.

FAIR! si impegna per un consumo ecologico e socialmente responsabile che tenga conto sia delle esigenze della generazione attuale sia di quelle future.

Vi invitiamo a visitare il nostro 10,5 Suggerimenti che vi aiutano ad affrontare la vita quotidiana in modo più sociale ed ecologico.

Tuttavia, la nostra comprensione della sostenibilità va oltre il comportamento individuale dei consumatori, perché le nostre opzioni personali di azione sono limitate.

La comunità internazionale, le grandi aziende e l'industria petrolifera sono state recentemente chiamate a trovare soluzioni sostenibili ed eque per le generazioni future.

Siamo convinti che un futuro sostenibile sia possibile solo attraverso un approccio olistico. La chiave è la combinazione di azioni individuali, decisioni politiche e responsabilità aziendale. Solo insieme abbiamo la possibilità di risolvere la crisi del secolo causata dall'uomo.

Un futuro sostenibile è possibile. Ma tutti devono essere coinvolti.

Il nostro impegno nell'area
Clima e consumi

Qui nella regione di Bienne promuoviamo alternative rispettose dell'ambiente e socialmente giuste e sensibilizziamo sul tema del consumo e del clima. 10.5 Suggerimenti per un mondo migliore Ad esempio, incoraggiamo le persone ad acquistare prodotti locali e biologici, a utilizzare energia elettrica verde, a passare a una dieta a base vegetale, a consumare meno e a riparare gli oggetti rotti. A tal fine, organizziamo regolarmente un Caffè di riparazione.

FAIR Pikto Citazione2

Con il Repair Café Biel/Bienne, abbiamo intrapreso un progetto che si inserisce perfettamente negli obiettivi e nelle visioni dell'associazione FAIR!

- Tito, responsabile di progetto Repair Café Biel/Bienne

Il nostro lavoro è possibile solo grazie all'innumerevole sostegno di persone come voi. La vostra donazione è anche una decisione a favore della sostenibilità, dei diritti umani e delle pari opportunità.

Ulteriori informazioni sul tema clima e consumi

Chi è colpito dai cambiamenti climatici?

Il cambiamento climatico non è una minaccia astratta: riguarda direttamente la vita di miliardi di persone in tutto il mondo. Secondo il rapporto IPCC 2023, tra i 3,3 e i 3,6 miliardi di persone sono altamente vulnerabili alle conseguenze negative dei cambiamenti climatici.

I fenomeni meteorologici estremi sono davvero in aumento?

Il clima estremo e i disastri naturali sono in aumento. Un bambino che nasce oggi rischia di sperimentare il doppio degli incendi boschivi, due o tre volte la siccità, tre volte i fallimenti dei raccolti e sette volte le ondate di calore rispetto ai suoi nonni.

Fonte: Oxfam Germania

Quanto contribuiscono al cambiamento climatico le persone più ricche del mondo?

Il dieci per cento più ricco della popolazione mondiale, che comprende gran parte della popolazione svizzera, è responsabile di oltre la metà delle emissioni globali di gas serra. Un terzo delle emissioni è attribuibile all'1% più ricco. Questo 1% dell'umanità produce il doppio dei gas serra rispetto all'intera metà più povera della popolazione mondiale.

Fonte: Oxfam Germania

Chi emette più CO2?

Secondo un rapporto, i primi 100 produttori di combustibili fossili, tra cui ExxonMobil, Shell, BHP Billiton e Gazprom, sono responsabili di 71% di emissioni industriali di gas serra dal 1988.

Fonte: Guardian

A che punto siamo attualmente nell'affrontare la crisi climatica?

Le emissioni globali di CO₂ continuano ad aumentare. Per mantenere il riscaldamento globale al di sotto del limite critico di 1,5°C, in conformità con l'Accordo di Parigi, le emissioni globali dovrebbero essere ridotte di quasi la metà entro il 2030 rispetto al 2010. Tuttavia, le misure di protezione del clima adottate finora dai Paesi, come concordato nell'Accordo di Parigi, non sono sufficienti per raggiungere questo obiettivo. Senza ulteriori sforzi, le emissioni aumenteranno del 16% nei prossimi dieci anni, il che significa un probabile riscaldamento di 2,7°C entro la fine del secolo.

Fonte: Oxfam Germania

In che modo il cambiamento climatico è legato alla questione della fuga e della migrazione?

I cambiamenti climatici costringono sempre più persone a lasciare le proprie case. Nel 2020, 30 milioni di persone sono state sfollate a causa di eventi meteorologici estremi - tre volte di più rispetto ai conflitti. Paesi come Cina, Filippine, India e Bangladesh sono stati particolarmente colpiti. Secondo le stime, entro il 2050 fino a 1 miliardo di persone potrebbe essere costretto a lasciare le proprie case a causa dei cambiamenti climatici, ad esempio a causa dell'innalzamento del livello del mare nelle regioni costiere.

Fonte: Oxfam Germania

Di quanti gradi si è già riscaldata la Terra e la concentrazione di CO₂ è davvero così alta?

Dall'industrializzazione, il nostro pianeta è diventato più caldo di circa 1,1°C, soprattutto a causa dei gas serra. L'attuale concentrazione di CO₂ nell'atmosfera è superiore a quella degli ultimi due milioni di anni.

Fonte: Oxfam Germania

La lotta al cambiamento climatico non è troppo costosa?

Le conseguenze economiche della crisi climatica potrebbero arrivare a circa 1.500 miliardi di dollari entro il 2050 nei Paesi a basso reddito pro capite. Il costo di un'efficace protezione del clima è probabilmente di gran lunga inferiore a quello della nostra attuale inazione.

Fonte: Oxfam Germania

Chi è più colpito dai cambiamenti climatici?

Le persone che hanno contribuito meno al cambiamento climatico sono quelle più colpite. In altre parole, le popolazioni del Sud del mondo. Questa ingiustizia sottolinea l'urgenza di considerare l'azione per il clima non solo come protezione ambientale, ma come solidarietà globale. Parola chiave: giustizia climatica.

Fonte: Rapporto IPPC 2023

Cosa si intende in realtà per giustizia climatica?

La giustizia climatica si riferisce alla dimensione etica e sociale della gestione degli effetti del cambiamento climatico. Chiede pari diritti e opportunità per tutte le persone, indipendentemente dalla loro posizione geografica o situazione economica. Si basa sul riconoscimento che i principali oneri del cambiamento climatico sono spesso sostenuti dalle comunità che hanno contribuito meno. La giustizia climatica si batte per soluzioni globali che non solo proteggano l'ambiente, ma riducano anche le disuguaglianze sociali e consentano un futuro più resiliente per i più vulnerabili.

Vai al contenuto